Scoperto grazie alle impronte digitali dopo dieci anni, denunciato un estorsore

impronte digitali 1' di lettura 25/06/2010 -

Aveva minacciato un albergatore di Civitanova Marche nel 2001. Gli aveva chiesto un pizzo di 70 mila euro per "vivere tranquillo". Gli aveva mandato anche dei "pizzini". Poi si è dileguato nel nulla. Ora è stato trovato.



Un pluripregiudicato campano è stato denunciato per il reato di estorsione. I Carabinieri sono riusciti a rintracciarlo grazie a degli esami approfonditi su dei "pizzini" da lui inviati.

Nel 2001, anno in cui è avvenuta la minaccia, le tecnologie non erano riuscite a far emergere nulla. Oggi si. Il lavoro del Raggruppamento Investigazione Scientifiche di Roma è riuscito nell'operazione di esaltazione delle impronte ispezionate con nuove fonti di luce.

Il risultato è un nome e un cognome. Quelli del responsabile dell'estorsione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-06-2010 alle 17:55 sul giornale del 26 giugno 2010 - 990 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccardo silvi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/yW





logoEV