Provincia, Capponi: la fiducia accordataci era ben riposta

franco capponi 3' di lettura 18/06/2010 -

“In un anno abbiamo dimostrato che la fiducia accordataci dalla maggioranza dei cittadini della Provincia di Macerata era ben riposta e il nostro impegno in questo periodo è stato intenso, costruttivo ed efficace”.



Inizia così una lunga dichiarazione rilasciata dal presidente della Provincia, Franco Capponi, appena appreso dell’avvenuta firma del decreto di nomina del Commissario straordinario designato a svolgere l’ordinaria amministrazione fino al rinnovo degli Organi elettivi.

“Tutte le strategie portate avanti e definite in questi mesi – ha detto Capponi – sono state sempre contraddistinte dalla massima apertura ai suggerimenti degli Enti Locali, delle forze sociali ed economiche e in sintonia con le necessità e le difficoltà del momento. Il primo atto di responsabilità è stata la riduzione degli emolumenti del Presidente e della Giunta che risultano oggi inferiori a quanto previsto dalla stessa manovra finanziaria del Governo in fase di approvazione in Parlamento. Eravamo poi partiti dalla riorganizzazione dell’ente per superare le difficoltà che negli anni passati avevano spesso contrapposto la dirigenza dell’Ente all’Amministrazione e non basterebbero pagine e pagine per rendicontare l’attività svolta in meno di 12 mesi”.

Il presidente ricorda poi alcuni tra i più significativi atti adottati e tra questi l’approvazione del piano opere pubbliche per circa 45 milioni di euro con scelte strategiche per la viabilità provinciale come il completamento del bypass di Villa Potenza, la realizzazione dello svincolo di San Claudio, il cofinanziamento della Mattei-Pieve e le iniziative per completare attraverso accordi di programma con la società Quadrilatero l’uscita di Civitanova Marche e il completamento delle intervallive maceratesi nei due tronconi mancanti di collegamento a Montanello e alla Statale Valdichienti con la realizzando Mattei-Pieve.

Altro atto che ha caratterizzato l’Amministrazione Capponi è stato l’Accordo di programma con il Ministero dell’Università e della Ricerca che permetterà la non applicazione dei tagli dei fondi agli atenei di Camerino e Macerata. “Questo consentirà – ha aggiunto il presidente – di garantire la sopravvivenza di entrambe le Università della nostra provincia e anzi il loro rafforzamento nel settore dell’alta formazione”.

Capponi – che in tarda mattinata ha riunito nel suo ufficio il segretario generale e i dodici dirigenti per salutarli e chiedere loro di portare a compimento tutte le attività avviate – ricorda anche il finanziamento per il completamento della banda larga e la realizzazione della dorsale telematica provinciale di collegamento tra le strutture pubbliche e in particolare quelle socio-sanitarie, con il collegamento delle tre Asur territoriali della provincia di Macerata. Inoltre, il forte impulso dato allo sviluppo dell’energia rinnovabile e al rafforzamento della raccolta differenziata attivata dal Cosmari, l’avvio della bonifica del bacino del Basso Chienti, la collaborazione alla realizzazione di grandi eventi che in questo anno hanno dato visibilità alla Provincia come le iniziative dedicate a Padre Matteo Ricci e a Beata Camilla Mattia da Varano fino all’organizzazione della fase finale del Campionato Primavera TIM, all’accordo pluriennale con Rcs sport per garantire al territorio maceratese tre edizioni della Tirreno-Adriatrico e una tappa del Giro d’Italia, fino alle attività a sostegno della 46° Stagione Lirica dello Sferisterio.






Questo è un articolo pubblicato il 18-06-2010 alle 19:32 sul giornale del 19 giugno 2010 - 693 letture

In questo articolo si parla di macerata, provincia di macerata, franco capponi, presidente della provincia di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/j0





logoEV