In manette un algerino ricercato da sei mesi

carabinieri 1' di lettura 03/06/2010 -

Martedì sera i Carabinieri del radiomobile di Civitanova hanno intercettato e fermato A.A., 50enne di origine algerina ma residente in Italia da anni. L'uomo, ricercato da sei mesi, è stato quindi tratto in arresto.



Il 50enne, coinvolto nell'operazione 'Lavoro pulito', indagini condotte dai Carabinieri di Pescara in cui erano stati arrestati numerosi stranieri, lo scorso 14 dicembre non era stato trovato in casa dai militari della compagna di Civitanova che lo stavano cercando per eseguire l'ordinanza. Da qui, l'algerino si era reso irrintracciabile fino alla scorsa notte.

Notte in cui il 50enne algerino, che ora dovrà rispondere dei reati di falsa attestazione di identità personale, sostituzione di persona, estorsione, violenza privata, violazione alle norme sull'immigrazione e falsità materiale ed ideologica, è stato tratto in arresto a seguito dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dalla magistratura abruzzese.

Nel frattempo, i colleghi della stazione di Porto Recanati hanno denunciato due tunisini ed un nigeriano perchè sorpresi senza i documenti di identità e di soggiorno.






Questo è un articolo pubblicato il 03-06-2010 alle 04:23 sul giornale del 03 giugno 2010 - 919 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, porto recanati, arresto, Sudani Alice Scarpini





logoEV