Armi e passamontagna, sventata una rapina alle Poste

polizia 1' di lettura 29/11/2009 - Era tutto pronto per il colpo. I passamontagna, i taglierini, le borse la confusione del mercato settimanale. Obiettivo, l\'ufficio postale in centro. La Polizia ha sventato sul nascere un tentativo di rapina previsto per sabato mattina.

Le forze dell\'ordine hanno scoperto tutto grazie ad una serie di indagini volte a sgominare la criminalità organizzata nelle Marche. Dopo diversi giorni di ricerche e appostamenti la Polizia ha colto con le mani nel sacco un gruppo di deliquenti pronti a rapinare l\'ufficio postale. Erano pronti ad intervenire nella mattinata di sabato, sfruttando appunto la confusione del consueto mercato cittadino. Non ne hanno avuto il tempo.

A finire in manete sono stati Pasquale Tiene, nato a Foggia di 44 anni e domiciliato a Civitanova Marche, Massimo Ramundo 49enne di Tolentino, Fabio Damiani, 40enne di Tolentino, Giuseppe Antoniello foggiano di 22 anni e Mario Grano, residente a Montecosaro di 37 anni.

I cinque sono stati fermati nella periferia di Macerata con un taglierino, nastro da imballaggio, due tute da lavoro, quattro berretti, tre zainetti ed un borsone. Addirittura a casa di Pasquale Tiene sono state rinvenute due pistole semiautomatiche calibro 9 con matricola abrasa, cariche e funzionanti, un revolver a salve, un passamontagna, due radio ricetrasmittenti e la somma in contanti di 2.400 euro. I malviventi sono stati portati nel carcere di Montacuto.





Questo è un articolo pubblicato il 29-11-2009 alle 16:23 sul giornale del 30 novembre 2009 - 1632 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, riccardo silvi, rapina, tolentino, civitanova marche, poste, montecosaro





logoEV