La Provincia sostiene le attività sociali e ricreative degli oratori

2' di lettura 21/11/2009 - Il presidente della Provincia, Franco Capponi e il vicario vescovile, mons. Pietro Spernanzoni, nella sua qualità di presidente della Fondazione Vaticano II , hanno sottoscritto il protocollo d’intesa 2009/2010 per il sostegno da parte dell’Amministrazione provinciale alle attività sociali, culturali e ricreative degli oratori parrocchiali.

Il documento, che nei giorni scorsi era stato approvato dalla Giunta provinciale, stanzia un fondo di 60 mila euro da erogarsi per metà all’avvio delle attività e per il restante 50% a conclusione del periodo coperto dall’accordo (giugno 2010). Gli oratori che possono beneficiare del contributo della Provincia per acquisto di beni e servizi, ma soprattutto per l’impiego e la formazione degli operatori, nonché per progetti educativi, anche a carattere ludico-sportivi, sono tutti quelli già esistenti, o costituiti nel corso di validità del protocollo d’intesa, nel territorio provinciale.



Non solo quindi gli oratori parrocchiali della Diocesi di Macerata, Tolentino, Cingoli, Recanati e Treia, ma anche quelli che operano nei Comuni del maceratese compresi territorialmente nelle Diocesi di Camerino-San Severino, Fabriano-Matelica e Fermo (Civitanova, Corridonia, Monte San Giusto) . Contestualmente alla firma del protocollo con la Fondazione Vaticano II, il presidente della Provincia, Capponi, ha inviato una lettera a tutti i Sindaci per invitare i Comuni ad integrare il contribuito della Provincia a favore degli oratori che operano nei rispettivi paesi e città.


L’iniziativa della Provincia – ha spiegato infatti il presidente Capponi a mons. Spernanzoni – vuole essere anche un “volano” per accrescere la sensibilità di tutte le istituzioni locali verso gli oratori parrocchiali, in quanto essi svolgono una fondamentale funzione sociale a favore dei ragazzi; funzione che si pone su un piano di sussidiarietà con le famiglie e la scuola.


Per accrescere la sinergia tra Provincia e Comuni su questo progetto, l’Amministrazione provinciale ha allo studio la possibilità di intervenire in futuro – oltre che con il fondo a favore della Fondazione Vaticano II destinato alla generalità degli oratori sparsi sul territorio provinciale - anche con quote finalizzate a raddoppiare i contributi dei singoli Comuni a favore degli oratori che operano localmente.








Questo è un articolo pubblicato il 21-11-2009 alle 16:52 sul giornale del 23 novembre 2009 - 1123 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata, civitanova marche, oratori parrocchiali





logoEV