Consiglio direttivo dell’Associazione degli industriali, incontro con Capponi

21/10/2009 - Su invito del presidente di Confindustria Macerata, Nando Ottavi, il presidente della Provincia, Franco Capponi, ha partecipato ad una riunione del Consiglio direttivo dell’Associazione degli industriali.

L’incontro era stato previsto già all’indomani dell’assemblea confindustriale di luglio a cui era intervenuta Emma Marcegaglia. In quella occasione Ottavi, nel suo discorso di insediamento, aveva chiamato in causa direttamente o indirettamente anche la Provincia di Macerata su diversi temi legati al mondo produttivo e allo sviluppo del territorio. Capponi già in quella occasione non si era affatto sottratto al confronto e, prendendo la parola in assemblea, oltre a condividere alcune delle preoccupazioni che in questo periodo di crisi sono proprie dei settori produttivi, aveva annunciato che l’Amministrazione provinciale, allora appena insediata, avrebbe puntato molto sul confronto e sulla concertazione con tutte le associazioni di categoria. Da quelle premesse, l’incontro – la prima volta in assoluto che il presidente della Provincia si incontra con il Direttivo di Confindustira al completo – è stato di fatto una logica conseguenza.

Molti sono stati i temi trattati e sui quali Confindustria ed Amministrazione provinciale hanno dimostrato una sensibilità comune. Uno di questi è il “Piano Casa”. Le misure varate dal Governo vengono viste con grande favore in quanto ritenute estremamente importanti per la ripresa economica. Il settore della costruzione – è noto – è uno di quelli che hanno una forte capacità trainante ed anche nel maceratese c’è fiducia sulla possibilità che con gli interventi legati al Piano Casa si abbiano risultati concreti per il sottore della costruzioni, ma anche per il diffuso sistema della piccole imprese impegnate nell’impiantistica, nel mobile, nei complementi e in tutto ciò che è legato all’abitazione. Su un punto gli industriali maceratesi hanno espresso una forte preoccupazione, richiedendo alla Provincia di farsene carico al più presto: la questione dei rifiuti speciali, ciò quelli generati dal sistema produttivo per il quale nel territorio maceratese non c’è una discarica in grado di accoglierne il conferimento. Un “problema nel problema” dei rifiuti in generale a cui la Provincia sta lavorando e che potrà risolversi affrontandolo con la piena collaborazione di tutti.

Nell’agenda dell’incontro non poteva mancare il capitolo delle infrastrutture: strade ed altri sistemi di mobilità per persone e merci. Su questo il presidente Capponi non solo ha condiviso quanto da anni Confindustria fa rilevare circa l’inadeguatezza del sistema infrastrutturale sul territorio maceratese, ma ha anticipato chiare linee di intervento su cui l’Amministrazione provinciale intende muoversi e sulle quali gli industriali esprimono apprezzamento. Da parte di Confindustria è stata raccomandata una particolare attenzione alla Valle del Potenza che, senza interventi concreti a medio e lungo termine rischierebbe – una volta completate le opere intraprese dalla Quadrilatero - di trovarsi penalizzata rispetto alla vallate del Chienti. E’ ciò porterebbe ad uno “squilibrio” anche in termini sociali e produttivi del territorio.

L’incontro si è svolto in un clima di grande cordialità e con reciproco apprezzamento soprattutto per gli sviluppi che esso potrà avere nella concertazione tra la Provincia e tutte le associazioni di categoria.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-10-2009 alle 13:22 sul giornale del 22 ottobre 2009 - 1058 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata, civitanova marche, confindustria, capponi, industriali