Porto Recanati: si procede con la realizzazione del rigassificatore

rigassificatore 15/10/2009 - Lo ha confermato ieri a Roma Gerard Mestrallet, amministratore delegato del gruppo Gdf Suez

Non è sceso nei dettagli Gerard Mestrallet, ma ha confermato che sarà realizzato al largo di Porto Recanati un impianto offshore di ricezione e rigassificazione di gas naturale liquefatto, con una capacità annua di 5 miliardi di metri cubi. Nessuna parola sui tempi ed i costi di realizzazione, ma l\'ammissione che GdF Suez considera l\'Italia strategica per gli investimenti nel futuro.


L\'amministratore delegato ha anticipato che la società è in trattativa con Acea, la municipalizzata romana dell\'energia. Per meglio controllare il mercato italiano, è stata creata Cofely, una società per i servizi energetici, nata dall\'unione di Cofathec Servizi ed Elyo Italia, che conta circa 2600 dipendenti suddivisi in 50 agenzie sul territorio italiano. La volontà è quella di crescere nei settori di gas, elettricità, infrastrutture e servizi.


Un rigassificatore trasforma il metano liquido in gassoso, è rifornito da navi cisterna metaniere. Una volta che il metano è tornato ad essere gassoso viene reimmesso nella rete di distribuzione.






Questo è un articolo pubblicato il 15-10-2009 alle 15:38 sul giornale del 16 ottobre 2009 - 1553 letture

In questo articolo si parla di attualità, monia orazi