Porto Potenza: presentazione de \'Ingiustizia è fatta\' di Grattarola

14/10/2009 - Storia vera di una guerra lanciata al sistema, di tenacia e di forza d\'animo, Ingiustizia è fatta di Gian Paolo Grattarola è un romanzo che accende l\'indignazione e stimola una riflessione profonda su quello che significa oggi giustizia in Italia.

Sabato 17 ottobre, alle ore 18:00, l\'autore presenterà il volume presso la libreria Odysseus di Porto Potenza Picena (Via Regina Margherita, 94) insieme all\'avvocato Edoaro Marabini. La serata, organizzata dall\'agenzia Scriptorama, verrà introdotta dal titolare Luca Pantanetti. Si tratterà di un momento di riflessione sui diritti dell\'infanzia, che scaturirà dal romanzo di Grattarola, “liberamente ispirato a una storia realmente accaduta in Italia”.


Questa la storia: il Tribunale dei Minori di Roma sottrae a Karen la tutela della figlia Charlotte, che viene affidata al padre, uomo violento e su cui aleggiano pesanti sospetti di pedofilia. Per Karen comincia una lunga battaglia contro l\'ingiusta sentenza, e contro il “muro di gomma” di tutte le istituzioni, degli avvocati, dei servizi sociali, dei periti psichiatrici chiamati a pronunciarsi in merito al caso, tutti più o meno strettamente legati a quell\'uomo influente che vanta amicizie nell\'università, nella sanità, in magistratura e in politica. Una rete di clientelarismi che impone ricatti in cambio di irrisorie concessioni.


Al centro di tutta la vicenda una bambina lasciata in balia di un padre-mostro, le cui volontà vengono colpevolmente ignorate da una Giustizia che evidentemente non riconosce alcun diritto ai minori. Una storia che lascia percepire a tutti i lettori la colpevole connivenza di un sistema anomalo che anziché tutelare i deboli si schiera dalla parte dei più forti, e che misura i meriti sulla base di nepotismi, conoscenze e risorse materiali.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2009 alle 11:43 sul giornale del 15 ottobre 2009 - 1474 letture

In questo articolo si parla di cultura, presentazione libro, porto potenza picena, scriptorama, ingiustizia, diritti dell\'infanzia