Dall\'Olanda a Macerata per la razza bovina marchigiana

2' di lettura 02/06/2009 - La Raci, la Rassegna agricola del centro Italia, ospita quest’anno una delegazione di allevatori olandesi che allevano la razza bovina Marchigiana per la produzione di carne, il cosiddetto “vitellone pesante”.

Nel Paese del Nord Europa sono 400 gli animali iscritti al Libro genealogico, molti di più quelli presenti negli allevamenti, magari incrociati con altre razze. L’Olanda, dove la razza bovina Marchigiana è stata introdotta negli anni ’90, ama conoscere e allevare le razze di altri Paesi per diversificare la produzione e migliorare l’offerta per i consumatori. La diffusione all’estero della razza bovina Marchigiana è stata favorita soprattutto dall’azione, importante e fondamentale per migliorare continuamente la qualità, svolta dal Centro di fecondazione artificiale di Macerata.


Il Centro opera da quarant’anni e nelle sue stalle una quindicina di tori di razza, rigorosamente selezionati ed iscritti all\'albo genealogico, producono annualmente alcune decine di migliaia di dosi di materiale seminale che, dopo accurati controlli da parte del Centro, vengono congelati e spediti in ogni parte del mondo. Frequenti sono le visite di allevatori stranieri al Centro Tori di Macerata ed oggi il bovino di razza marchigiana è diffuso anche in America (Usa, Canada, Brasile, Venezuela) e in Sud Africa.


Tra le numerose mostre presenti all’interno del quartiere fieristico di Villa Potenza per la Rassegna agricola centro Italia, c’è quest’anno anche una esposizione di colombi, organizzata in collaborazione tra le associazioni allevatori Pieni, e Ravennati con il contributo dell’associazione Malatestiana. Circa 300 sono gli esemplari in esposizione di 46 diverse razze di origine italiana ed estera. Sono esposte anche razze esotiche che attirano l’attenzione del pubblico, in particolare dei bambini. Sono presenti inoltre alcuni “colombi viaggiatori”, colombi delle neonata razza “Ascolano” ed esemplari della “Romagnolo”, razza a rischio di estinzione, attualmente oggetto di un progetto di recupero.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-06-2009 alle 13:53 sul giornale del 03 giugno 2009 - 2399 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata





logoEV