Elezioni: votazione per la tredicesima legislatura provinciale

votazioni 2' di lettura 31/05/2009 - Sono 272 mila gli elettori maceratesi che tra una settimana saranno chiamati alla urne per eleggere Presidente della Provincia e 30 Consiglieri provinciali. Quella che inizierà all\'indomani delle elezioni del 6 e 7 giugno sarà la tredicesima \"legislatura\" del Consiglio provinciale del dopoguerra.

La prima volta che si votò per l’elezione degli organi della Provincia fu il 27 maggio 1951. La legge del tempo non prevedeva l’elezione diretta del presidente, il quale veniva eletto dal Consiglio provinciale e scelto tra i propri componenti. Il primo presidente fu Tommaso Martello, rimasto in carica per due consecutivi mandati. Martello venne riconfermato, infatti, dal Consiglio dopo il rinnovo avvenuto con le elezioni del maggio 1956.


Nel novembre del 1960, con l\'inizio del terzo mandato amministrativo, il Consiglio provinciale nominò presidente della Provincia Azzolino Pazzaglia, il quale, riconfermato nel 1964, rimase in carica fino al 1970, anno in cui – come questa volta – si votò per il rinnovo amministrativo la prima domenica di giugno che, anche in quella occasione, cadde il giorno 7. Nella seduta consiliare di insediamento risultò eletto presidente Giancarlo Quagliani, rimasto in carica per cinque anni. Nei due successivi mandati quinquennali, dal 1975 al 1985, presidente della Provincia fu Otello Di Stefani. A lui sono succeduti Nicola Mancioli (dal maggio 1985 al maggio 1990) e Luigi Sileoni (dal maggio 1990 al maggio 1995).


Il 23 aprile 1995 si svolsero le prime elezioni a suffragio popolare diretto del presidente delle Provincia. Nel ballottaggio del 7 maggio risultò eletto Sauro Pigliapoco, il quale - ricandidatosi al termine del suo primo mandato, allora quadriennale - nelle elezioni del 13 giugno 1999 fu rieletto al primo turno. Il suo secondo mandato terminò il primo luglio 2004 con l\'insediamento dell’attuale presidente Giulio Silenzi, eletto nel ballottaggio del 27 giugno di cinque anni fa.

Qualunque sia il risultato politico delle elezioni provinciali del 6 e 7 giugno, il Consiglio provinciale che verrà insediato risulterà rinnovato per oltre la metà. Almeno 16 consiglieri su 30 saranno, infatti, diversi da quelli in carica ormai per ancora pochi giorni. Questo perché 16 degli attuali consiglieri provinciali non figurano tra gli oltre 400 candidati suddivisi nei 30 collegi elettorali. Non sono infatti presenti in lista per le elezioni provinciali (alcuni di loro lo sono per le concomitanti elezioni comunali come candidati Sindaci o consiglieri dei rispettivi Comuni) gli attuali consiglieri: Sebastiano Attardo, Roberta Belvederesi, Ermanno Carassai, Nazareno Chiaramoni, Gilberto Cruciani, Giovanna Foresi, Giancarlo Giulietti, Ezio Manzi, Massimo Montali, Massimo Montesi, Pietro Enrico Parrucci, Silvano Ramadori, Mauro Riccioni, Luciana Salvucci, Roberto Spinelli, Alessandro Vallesi.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-05-2009 alle 16:08 sul giornale del 01 giugno 2009 - 1736 letture

In questo articolo si parla di elezioni, politica, macerata, provincia di macerata